• GIOVEDÌ 6 MAGGIO 2021 - S. Benedetta vergine

VIDEO | Meloni, (Confucio Roma): “Conoscere il cinese per abbattere il muro del pregiudizio”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


ROMA – Si celebra oggi la Giornata mondiale dedicata alla lingua cinese, uno dei sei idiomi ufficiali dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Una data scelta non a caso dall’Onu ma legata alla storia e ai simboli. Il 20 aprile, infatti, è il giorno che tradizionalmente viene associato al mito di Cangjie, il presunto inventore dei caratteri cinesi. L’agenzia Dire ne ha parlato con Raffaella Meloni, docente di lingua cinese presso l’Istituto Confucio di Roma. Quanti anni di studio ci vogliono per imparare il cinese? “Bisogna capire innanzitutto cosa si intende per ‘parlare il cinese’. Se pensiamo di parlare di argomenti comuni, con terminologie abbastanza generiche, allora possono bastare anche pochi mesi. Se invece vogliamo parlare di tematiche molto più specifiche, con terminologie più precise, servono anche diversi anni. Poi tutto dipende dalla metodologia di insegnamento, dalla propria predisposizione e dal tempo che si ha a disposizione per studiarlo. Quindi ci sono moltissimi fattori”. Quanto dovrebbe essere studiato settimanalmente il cinese per avere una buona preparazione? “Non dico tutti i giorni ma quasi. Il mio insegnante dell’Università ci diceva sempre: ‘ascolta molto’, ‘parla molto’, ‘leggi molto’, ‘scrivi molto’. Più uno si applica, con costanza, e più facilmente e velocemente apprende una lingua. Questo vale non solo per il cinese ma per qualsiasi lingua”. È più difficile parlare il cinese o scriverne i caratteri? “Sono due aspetti della lingua che secondo me non ...



Sannioportale.it