• LUNEDÌ 13 LUGLIO 2020 - S. Enrico imperatore 'Il pio'

Traffico di droga nel napoletano, 26 misure cautelari

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Redazione 03/06/2020 Calabria, Campania redazioneweb@agenziadire.com Il canale di approvvigionamento maggiormente utilizzato dal clan D'Alessandro é risultato riconducibile alla potente cosca di ndrangheta dei Pesce-Bellocco Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print NAPOLI – Questa mattina i carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata (Na) hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, degli arresti domiciliari e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, emessa su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, dall’ufficio gip del Tribunale di Napoli. La misura cautelare e’ stata eseguita nei confronti di 26 soggetti, gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione illecita e cessione di sostanza stupefacente, reati tutti aggravati dalle finalita’ mafiose, per aver agito, spiegano i militari in una nota, “avvalendosi della forza intimidatrice derivante dall’appartenenza al clan D’Alessandro, operante a Castellammare di Stabia, nonche’ al clan Afeltra-Di Martino operante sui Monti Lattari”. Il provvedimento eseguito trae origine da una piu’ ampia ed articolata attivita’ d’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e delegata al Nucleo Investigativo di Torre Annunziata, che riguarda “un ampio spettro temporale compreso tra il 2017 ed il 2018, dove si e’ dimostrato che il clan D’Alessandro aveva assunto il monopolio del mercato degli stupefacenti sull’intera area stabiese (Castellammare di Stabia, Santa Maria La Carita’, Vico Equense) e sulla penisola sorrentina. Inoltre, ...



Sannioportale.it