• SABATO 8 AGOSTO 2020 - S. Domenico di Guzman

Strage Bologna, Crimi: “Dopo 40 anni si può solo chiedere scusa”. Casellati: “Basta segreti”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Andrea Sangermano 02/08/2020 Bologna, Politica a.sangermano@agenziadire.com Il viceministro degli Interni a Bologna per i 40 anni della strage: "Il nostro imperativo è fare presto perchè non possiamo tollerare ancora silenzi, omertà e depistaggi" Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print BOLOGNA – “Dopo 40 anni si può solo chiedere scusa per non aver ancora portato le necessarie risposte“. Così Vito Crimi, viceministro degli Interni, si rivolge ai familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, durante la commemorazione di oggi nel cortile d’onore del Comune in occasione del 40esimo anniversario della strage. Crimi rivolge la sua “più sincera gratitudine” all’associazione dei familiari “per l’attività encomiabile” svolta in questi anni per la ricerca della verità.Al dolore delle famiglie, aggiunge Crimi, “si aggiunge il dolore per la verità negata per 40 anni. Conosciamo i volti e i nomi delle vittime, dei loro familiari e dei soccorritori, ma non di quelli che hanno contribuito” alla strage. E “ogni giorno che passa senza conoscere i responsabili- aggiunge il viceministro- accresce la nostra sofferenza. E’ un’offesa alla memoria” delle vittime e dei loro familiari. La verità, continua Crimi, “può stare in qualche armadio, nella memoria di qualcuno o in qualche carta bloccata da cavilli burocratici”. Per questo, afferma, “il nostro imperativo è fare presto perchè non possiamo tollerare ancora silenzi, omertà e depistaggi”.Questi ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it