• DOMENICA 17 GENNAIO 2021 - S. Antonio abate

Stavolta il potere logora chi lo ha

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Mattia Cecchini 26/11/2020 Il Punto m.cecchini@agenziadire.com Non è un mestiere facile quello del Pd e del dirigente Pd: se non fai le primarie ti accusano perché non le fai; se le fai, non va bene lo stesso perché 'abidchi' alla potestà genitoriale sul nome del candidato sindaco Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print BOLOGNA – A Torino dove si era già deciso di farle, adesso sono a rischio. A Bologna dove si era fatto di tutto per evitarle, adesso sono una prospettiva più che concreta. Percorsi opposti per il Pd in due delle tre grandi città del nord che vanno al voto in primavera. Con la differenza che nel capoluogo piemontese c’è da riconquistare la città passata ai 5 stelle, sotto le Due torri, invece, i dem hanno contribuito in maniera decisiva alla vittoria di Stefano Bonaccini e vantano un più che solido 40% di consensi in città. A Torino han sospeso tutto fino a gennaio ed è circolato l’auspicio che il partito usi questo “tempo sospeso per presentare il suo programma e approfondire la relazione con i papabili candidati sindaci”.A Bologna mentre la base chiedeva unità, i candidati si sono moltiplicati… E il ‘caso’ di Bologna, da sempre laboratorio politico del centrosinistra, rischia di far scuola; prima o poi, forse, farà parlare di sé su un palcoscenico ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it