• VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020 - S. Massimo martire

Puglia amara per il centrodestra, tra Fdi e Lega veleni e accuse reciproche

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Antonio Bravetti 21/09/2020 Politica, Puglia a.bravetti@agenziadire.com Fitto fa il pompiere, ma in Fratelli d'Italia non ci sono dubbi: la colpa della sconfitta è della Lega Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print BARI – “La notizia e’ che ha perso la Lega. Quelli non hanno votato Fitto. Pure Forza Italia, che noi davamo per morta, ha dato il suo contributo. La Lega no”. Sono le 21 e Raffaele Fitto sta per parlare nel suo comitato elettorale. Camicia bianca senza giacca ne’ cravatta, solca la grande sala del Palace Hotel tra gli applausi dei suoi. In fondo alla sala i dirigenti locali di Fratelli d’Italia non hanno dubbi: la Lega e’ passata in un anno, dalle europee a oggi, dal 25% a sotto il 10. La colpa della sconfitta e’ loro. Fitto, davanti alle telecamere, fa il pompiere, non punta il dito contro nessuno: “Non ho motivo di dubitare del sostegno della Lega, Salvini e’ stato leale, e’ venuto a fare campagna elettorale”. In fondo alla sala, pero’, scuotono la testa: “Raffaele e’ un signore, fin troppo”. Dalle parti della Lega Puglia la sensazione e’ di segno opposto. “Ci vuole una classe dirigente rinnovata. I Fitto e Caldoro hanno fatto il tempo loro…”, e il refrain ...



Sannioportale.it