• MARTEDÌ 7 LUGLIO 2020 - S. Claudio martire

Lo chef pugliese in Guinea equatoriale: “Il futuro è fusion”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Vincenzo Giardina 29/05/2020 Mondo v.giardina@agenziadire.com ROMA  – Metti il Mediterraneo all’Equatore. E l’olio extravergine con la bambucha. E ancora citronella e ginger, a dare aroma al colorado, pesce atlantico del Golfo di Guinea. Affumicato al naturale con legno di medula.“Un antipasto tra tanti immaginando il prossimo menu, che sara’ fusion, sotto il segno del mix tra culture” sorride in collegamento video Pasquale Ferrara.Chef olimpico, originario di Corato di Puglia, ha trascorso una vita in giro per il mondo. Da qualche tempo, dopo la formazione a Milano, la Thailandia e Goa, crea prelibatezze nel Grand Hotel forse piu’ di frontiera di tutti: a Djibloho, la nuova capitale che sta sorgendo nella giungla della Guinea Equatoriale.“Il colorado ha una pezzatura grande, e’ un po’ come una cernia gigante” spiega Ferrara nell’intervista con l’agenzia Dire: “Questa e’ una terra straordinaria: il peperoncino arancione e’ uno dei tre piu’ piccanti al mondo e i gamberoni sono da 700 o 800 grammi, che manco in Thailandia…” Specialita’ servite ad ambasciatori, dirigenti e uomini politici di tutta l’Africa, sin dall’inaugurazione dell’albergo, un cinque stelle luxury realizzato dall’azienda perugina Piccini Construction.Era il 2016 e il Grand Hotel, con 452 stanze, suite presidenziale da 2.000 metri quadrati, aveva ospitato i leader della Comunita’ economica degli Stati dell’Africa centrale.“Tutt’intorno, oltre le piscine e il campo da golf, ci sono 50 ville” ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it