• LUNEDÌ 26 OTTOBRE 2020 - S. Florio martire

Il caso Suarez e la rabbia dei cittadini stranieri: “La cittadinanza non si regala”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Redazione 18/09/2020 Costume e Società, Politica redazioneweb@agenziadire.com Antonio Garcia, presidente dell’Unione di solidarietà degli ecuadoriani in Italia (Usei), intervistato dall'agenzia Dire Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print ROMA – “Acquisire la cittadinanza è una questione di responsabilità profonda verso il Paese che la concede. In questo senso, è sacra. Non si può vendere, barattare o regalare”. Così Antonio Garcia, presidente dell’Unione di solidarietà degli ecuadoriani in Italia (Usei), intervistato dall’agenzia Dire sul caso del calciatore uruguaiano Luis Suarez.Secondo numerose indiscrezioni, il campione potrebbe trasferirsi dal Barcellona alla Juventus. A Torino serve però che Suarez diventi cittadino comunitario, visto che al momento il numero di giocatori extra-Ue tesserabili è esaurito. Il calciatore ha ottenuto ieri il certificato di italiano livello B1 richiesto e ora, in virtù della doppia cittadinanza della moglie, potrebbe riuscire a diventare italiano entro il 5 ottobre. In genere, nelle sue stesse condizioni, i tempi previsti dai cosiddetti decreti Salvini promulgati nel dicembre 2019 sono di quattro anni.Usei è un’organizzazione di base in Liguria ma ormai punto di riferimento ...



Sannioportale.it