• LUNEDÌ 13 LUGLIO 2020 - S. Enrico imperatore 'Il pio'

Clima, Ispra: “L’Italia si scalda di più del resto del mondo”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Roberto Antonini 03/06/2020 Ambiente r.antonini@agenziadire.com L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale presenta l''Annuario dei dati ambientali 2019', che fotografa l'Italia a libello ambientale Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print ROMA – La temperatura cresce nel nostro Paese più che in altre parti del mondo, avverte l’Annuario dei dati ambientali 2019 Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale . Nel 2018 è stata registrata un’anomalia media pari a +1,71 gradi rispetto alla media climatologica 1961-1990, superiore a quella globale sulla terra ferma (+0,98 gradi). È stato calcolato un aumento della temperatura media pari a circa 0,38 gradi ogni dieci anni nel periodo 1981-2018. È quanto risulta dall’Annuario dei dati ambientali 2019′ di Ispra, un quadro aggiornato sullo stato di salute del nostro Paese. Si tratta di un report che fotografa la situazione dell’ambiente in Italia.Tra gli altri elementi importanti che emergono dal rapporto, c’è la grave situazione di fauna e flora, minacciate da inquinamento e specie aliene. In buono stato solo il 48% dei fiumi e il 20% dei laghi italiani. Bene invece le aree protette del nostro Paese. Temperature che crescono in Italia più che in altre parti del mondo (+1,71 gradi nel 2018 a fronte di un +0,98 gradi a livello globale). Diminuiscono però i gas serra (-17,2% dal 1990 al 2018), mentre sul fronte dell’inquinamento atmosferico si sforano i limiti giornalieri, ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it