• MARTEDÌ 27 OTTOBRE 2020 - S. Frumenzio vescovo

Badante rubò 700.000 euro all’anziana che assisteva. E ora si indaga su come è morta

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Miloš Malini? 25/09/2020 Friuli Venezia Giulia La vicenda è successa a Pordenone: indagati anche il responsabile di un'agenzia funebre e il direttore dell'ufficio postale dove la badante ha prelevato il denaro in contante Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print TRIESTE – Aveva sottratto all’anziana assistita 700mila euro, per cui la badante era già indagata dalla Procura di Pordenone, per “appropriazione indebita, circonvenzione di incapace e autoriciclaggio”, con sequestro preventivo di disponibilità e valori per complessivi 1.212.000 euro: una polizza vita di 300mila euro, due immobili, titoli di investimento postali, denaro e gioielli. Ora la stessa badante, fa sapere in una nota la Guardia di finanza di Pordenone, è indagata anche per “distruzione di cadavere” e con lei per favoreggiamento un rappresentante della società di servizi funebri, e il direttore di un ufficio postale, poiché la donna si sarebbe ora accanita sul patrimonio del figlio disabile dell’anziana, sfruttando anche la sua fragilità psicologica. Gli investigatori della Guardia di finanza vogliono ora chiarire le reali cause della morte della donna vittima delle appropriazioni, in quanto dall’audizione del personale sanitario intervenuto, spiega la nota della Finanza pordenonese, “si rilevava che, in occasione del decesso, ...



Sannioportale.it