• MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE 2020 - SS. Simone e Giuda

Profughi, Bagnasco: i muri non aiutano

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Avvenire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


«Non è certamente con i muri o con i fili spinati che si fa integrazione. È gente che fugge disperata dai propri Paesi per motivi di guerra, di fame, di carestia, di persecuzione e l'Europa, che è il continente, la zona più vicina, ma in realtà il mondo intero deve veramente farsi carico di queste situazioni».

Così l'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco ha commentato le recenti posizioni di alcuni Paesi europei, l'Austria su tutti, di costruire una barriera che blocchi l'arrivo dei migranti. «Questa è gente che non è che ami muoversi da una parte all'altra. È gente che lascia il Paese, la cultura, il proprio habitat, proprio perché costretta. E il mondo che cosa fa di fronte a queste situazioni?» ha concluso il cardinale Bagnasco.



Sannioportale.it