• LUNEDÌ 19 OTTOBRE 2020 - S. Pietro d'Alcantara

Profanato cimitero cristiano a Nazareth

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Avvenire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Un nuovo episodio di vandalismo anticristiano si è registrato a Nazareth, in Israele, dove sono state divelte lapidi di un cimitero e scritti graffiti sui muri del luogo. Lo dice la polizia che ha aperto un'indagine sui fatti.

Poco meno di una settimana fa la Chiesa della Dormizione a Gerusalemme è stata imbrattata con scritte minacciose in ebraico e nei giorni scorsi la polizia per quell'episodio ha arrestato due minori ebrei.

Su un muro esterno del cimitero sono state tracciate con la vernice nera e con grande evidenza due parole ("Ward" e "Shoshe") accompagnate da un cuore: cosa che potrebbe far pensare a un legame romantico. Interpellato dall'Ansa Wadie Abunassar, consigliere dell' Assemblea dei vescovi di Terra Santa, si è detto propenso a qualificare l'episodio come "puro vandalismo", ma privo di intenti offensivi in particolare contro la comunità cristiana.

A quanto pare la polizia ritiene che le scritte siano opera di ubriachi, o di sbandati.

Abunassar ha peraltro confermato che per un altro recente atto di vandalismo, alle pareti esterne della Chiesa della Dormizione a Gerusalemme, sono stati arrestati due adolescenti ebrei. "Gli arresti di per sè non bastano - ha aggiunto. - Ci interessa piuttosto sapere se saranno incriminati e condannati". Sulla identità e sulle possibili motivazioni dei due arrestati la polizia israeliana non ha finora fornito alcun elemento.

Di sicuro anche in Israele si assiste, purtroppo, a una crescita della tensione legata all'intolleranza fondamentalista.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it