• SABATO 5 DICEMBRE 2020 - S. Saba abate

Us Open, derby Italia Pennetta Vinci

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ansa.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


L'Italia si prepara al derby nel tempio del tennis tra Pennetta e Vinci agli Us Open.  Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, assisterà alla storica finale tutta italiana dell'Us open di tennis tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci. Renzi, che ha annullato i suoi impegni odierni e sarà a New York con il presidente del Coni Giovanni Malagò. Una scelta che ha suscitato anche qualche polemica politica. Anche Fabio Fognini è partito per New York per godersi la storica finale tutta italiana tra Roberta Vinci e Flavia Pennetta agli Us Open. Fognini, oltre che un grande tennista (n. 32 del ranking mondiale), è anche il fidanzato di Flavia Pennetta. L'azzurro aveva lasciato i campi di Flushing Meadows per tornare in Italia nei giorni scorsi, dopo l'eliminazione dal torneo americano ad opera di Feliciano Lopez. Nel turno precedente l'italiano aveva sconfitto, al termine di un entusiasmante match in rimonta di due set, Rafael Nadal. "Flavia ci ha detto, state calmi. E' felicissima, è entrata nella storia ma adesso può fare ancora di più". Oronzo Pennetta, per tutti 'Ronzino', il papà di Flavia, sta cercando un volo per partire e andare negli Usa a godersi la finale tutta italiana, pugliese, di un grande Slam. "Sto facendo i calcoli, per verificare se c'è un modo di arrivare in tempo a New York. E' una impresa eccezionale, - dice il papà di Flavia - due ragazze pugliesi che sono cresciute mano nella mano, sulla terra rossa, qui in Puglia che hanno conquistato gli Us Open. Sono state fenomenali". Se non sarà a Flushing Meadows, la partita Oronzo Pennetta la vedrà a casa, a casa di Flavia, al quartiere Casale: "Sto valutando, perché in queste situazioni - dice - non sai mai che fare, magari puoi creare agitazione, tensioni in più e non deve assolutamente accadere. Questo è già un risultato straordinario, lo è comunque vada proprio perché ci sono loro, Roberta e Flavia. Ma se Flavia porta a casa lo slam lo sarà di più".  "Papà non so neanche come ho fatto a vincere". E' il messaggio di Robertina Vinci inviato al padre Angelo. Nessuna telefonata tra i due, perché la scaramanzia di famiglia è rigida, un cerimoniale che viene puntualmente rispettato "specie quando le cose vanno bene" racconta all'ANSA papà Vinci, da Taranto. "E' stata una emozione incredibile, soprattutto - racconta il papà di Roberta Vinci - perché inaspettata. Mi auguravo nella migliore delle ipotesi che Roberta confermasse il risultato dell'anno precedente, il terzo turno. E invece è andata oltre ogni aspettativa". Papà Vinci guarderà la partita a casa: "Stesso posto, stessa formazione di sempre". Nella speranza di poter gioire ancora più forte per una vittoria, quella dello slam Usa che non era affatto prevedibile. "E' arrivata agli Us Open - spiega Angelo Vinci - che si trovava poco sopra la cinquantesima posizione. Ora è 19 al mondo. Ha giocato una partita spettacolare, tattica. E' rimasta lucida. E poi lei ha il migliore rovescio in back del circuito, non dimentichiamolo". Seconda febbre da derby in Puglia, l'altra nel 2013  - La febbre del "derby pugliese" salì sull'asse Brindisi-Taranto anche nel 2013 quando furono proprio Roberta Vinci e Flavia Pennetta a sfidarsi nei quarti di finale degli Us Open. Fu una competizione a distanza tra i due circoli tennis in cui le atlete hanno mosso i primi passi e che distano una cinquantina di chilometri. Maxischermo a Brindisi, tutti intorno a un televisore con papà Angelo Vinci, a Taranto. Vinse Flavia allora, e Brindisi esplose per un risultato che già era ritenuto storico: la brindisina in semifinale. "Flavia e Roberta si conoscono da quando avevano dieci anni", hanno raccontato i rispettivi maestri. In Puglia da ragazzine "vincevano sempre loro" sulla terra rossa. C'è poi una curiosità: nel 1998 Roberta Vinci fu tesserata con il ct Brindisi e proprio insieme a Flavia pennetta conquistò il campionato italiano a squadre under 16. Ora, 33 anni Flavia, 32 Roberta, è finale di un grande slam sul cemento Usa e sia a Taranto che a Brindisi sono tutti pronti a brindare. Rossi, in finale Us Open io tifo Pennetta - "Io sono un po' più amico di Flavia (Pennetta, ndr), quindi tiferò per lei. Però, chiunque vinca, sarà bellissimo". Valentino Rossi si prepara a vedere, questa sera, la finale tutta italiana dell'Us Open femminile, con in campo anche Roberta Vinci. "E' storica per l'Italia - ha detto Rossi ai microfoni Sky al termine della qualifiche del Gp di Misano - nessuno ci avrebbe scommesso Maxischermo per la finale 'pugliese' - Si è attrezzato con un maxischermo il ct Brindisi per la finale di questa sera degli Us Open. Sono già imbanditi i tavoli del ristorante dell'impianto sportivo, iniziano a fioccare le prenotazioni per un posto in prima fila. E' 'febbre' da tennis a Brindisi, dove già nel 2013 fu montato un maxischermo tanto per i quarti, sempre a Flushing Meadows, che disputarono proprio Pennetta e Vinci, quanto per la semifinale in cui la Pennetta fu poi sconfitta dalla Azarenka. Poca scaramanzia, a Brindisi, che ha allestito all'ultimo istante una postazione per radunare gli appassionati e gli storici frequentatori del ct. Bottiglie di spumante già in fresco per gli eventuali festeggiamenti. Per consentire a tutti i cittadini di condividere l'emozione della storica finale degli US Open, che stasera vedrà affrontarsi le pugliesi Flavia Pennetta e Roberta Vinci, l'amministrazione comunale di Bari sta provvedendo ad allestire un maxischermo in piazza del Ferrarese. "Non è mai accaduto che due tenniste italiane si sfidassero nella finale degli US Open - commenta l'assessore allo Sport Pietro Petruzzelli - e stasera, da baresi e da pugliesi, siamo particolarmente orgogliosi che a contendersi la coppa siano due figlie della nostra terra. Per questo abbiamo pensato di montare un maxischermo in una delle piazze più frequentate della città". La diretta dell'evento avrà inizio alle ore 21.00. Veni, vedi, Vinci', stampa Usa celebra Roberta - Non solo sul campo. Roberta Vinci e Flavia Pennetta conquistano anche i quotidiani americani dopo la straordinaria prestazione delle due tenniste che si scontreranno oggi agli Us Open in una finale storica, tutta italiana. Ma è soprattutto l'impresa della Vinci, che ha battuto in semifinale la numero 1. del mondo, e strafavorita, Serena Williams, a dominare le prime pagine dei giornali e dei siti. 'Veni, vedi, Vinci! Unseeded Italian slams door on Serena at Us Open' (Veni, vedi, Vinci. Una non testa di serie sbatte la porta a Serena agli Us Open') è il titolo del New York Daily News che, giocando con le parole, ricorda che si infrange così il sogno della Williams di aggiudicarsi il Grande Slam. La Cnn titola sui sogni infranti della campionessa americana sostenendo che la vittoria della "testarda Vinci è uno dei più grandi shock nella storia del tennis". 'Roberta Vinci infrange il tentativo del grande slam di Serena Williams', 'La corsa allo slam di Serena finisce all'Us Open' sono i due titoli scelti rispettivamente dal New York Times e dal Wall Street journal, il quale sottolinea che per la Williams, che puntava a vincere tutti e quattro i maggiori tornei nello stesso anno, si è trattato del "più grande dispiacere della sua carriera". E ancora: 'Un'italiana rovina la grande festa per lo slam a Serena Williams' è il titolo del Los Angeles Times mentre il Washington Post punta sulla tennista americana con il titolo 'Con pressione a livello storico, Serena Williams finalmente si piega' su una foto dell'americana in ginocchio durante il match. Usa Today, da parte sua, titola: "Incredibile! Vinci ferma il tentativo di Serena di entrare nella storia". Time sottolinea come la vittoria della Vinci era data come una possibilità su 300 dagli scommettitori, mentre l'Ap punta su un ritratto intimistico di Roberta Vinci e Flavia Pennetta partendo da una foto che li ritrae insieme da ragazzine. Michelle Obama consola Serena, 'orgogliosa di te' - "Orgogliosa di te, @SerenaWilliams. Straordinario ciò che hai compiuto quest'anno". E' Michelle Obama che su Twitter incoraggia la tennista americana Serena Williams, e la consola anche, dopo la sconfitta nelle semifinali agli US Open inflittale dalla italiana Roberta Vinci. Lo scorso luglio la first lady aveva rivolto, sempre via Twitter, le sue congratulazioni alla campionessa americana che aveva conquistato il suo sesto titolo a Wimbledon.



Sannioportale.it