• DOMENICA 18 APRILE 2021 - S. Eleuterio vescovo

Nuovo Senato, si tratta fino a martedi', ma nessuna fiducia

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ansa.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Al Senato la riunione dei deputati e senatori Pd competenti in materia di riforme, per concordare le modifiche al ddl costituzionale. All'incontro presenti per il governo il ministro Maria Elena Boschi e il sottosegretario Luciano Pizzetti. Partecipano in rappresentanza dei senatori la presidente della commissione Affari costituzionali Anna Finocchiaro, il capogruppo Luigi Zanda e la capogruppo in commissione Doris Lo Moro, che è esponente della minoranza Dem. Per la Camera ci sono il capogruppo Ettore Rosato, il capogruppo in commissione Emanuele Fiano e, per la minoranza, Barbara Pollastrini. L'incontro era stato sollecitato dal premier e segretario del Pd Matteo Renzi, nel corso dell'assemblea del gruppo Pd a Palazzo Madama. I nodi principali da sciogliere quelli delle competenze del Senato e del metodo di elezione dei futuri senatori. "Un primo incontro, una discussione preliminare". Così i capigruppo Pd di Senato e Camera, Luigi Zanda ed Ettore Rosato, hanno definito l'incontro. "Ci vedremo e sentiremo tutti i giorni fino a martedì, quando la commissione è possibile che inizi a esaminare gli emendamenti. Oggi ci siamo dati un programma: abbiamo definito l'oggetto. L'obiettivo è arrivare a una soluzione che chiuda un accordo positivo". "Non esiste al mondo che si possa mettere la fiducia su un articolo della Costituzione, nemmeno in Azerbaigian". Così risponde il sottosegretario Luciano Pizzetti a chi, al termine del tavolo tecnico del Pd sulle riforme a Palazzo Madama, gli domanda se il governo metterà la fiducia sull'articolo 2 del ddl Boschi. Lavoriamo "ad una soluzione che sia condivisa tra Camera e Senato, perché ovviamente ci auguriamo che questa sia la lettura definitiva", ha detto il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi sottolineando come, in questo primo incontro si "è entrati a parlare nel merito di un po' di argomenti. Nei prossimi giorni continueranno i confronti e il lavoro, perché sappiamo che comunque i tempi stringono". "Chi vuole andarsene da Berlusconi, Renzi, Salvini, vada... Grazie alla nostra scelta il governo fa le riforme, riprendono i consumi, gli indicatori sono tutti in crescita. E noi andiamo avanti con il nostro progetto per dare voce ai moderati italiani nel governo. Ogni volta che hanno detto che avevamo problemi siamo diventati di più", ha detto il leader di Ncd Angelino Alfano e aggiunge: "Abbiamo letto i giornali stamattina, gli stessi articoli fotocopia scritti da 2 anni su di noi, la stessa minestra riscaldata".



Sannioportale.it