• LUNEDÌ 26 LUGLIO 2021 - SS. Gioacchino e Anna

Senato, FdI presenta un ddl per il rilancio dell’ippica. Ripensate le scommesse sui cavali, ma il settore otterrà risorse anche dalle slot e dalle scommesse virtuali

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Agimeg.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Costituire un’Agenzia autonoma per la promozione, lo sviluppo e la tutela dell’ippica nazionale (che assumerà il nome di AgenIppica), dotandola delle risorse già destinate prima all’UNIRE, poi all’ASSI e adesso Mipaaf. E provvedere al rilancio delle scommesse ippiche grazie a un payout tra il 78 e l’80, la riduzione del prelievo fiscale (non potrà superare la percentuale più bassa applicata su altri tipi di scommesse offerte anche online), l’unificazione dei totalizzatori nel totalizzatore unico, una riorganizzazione delle scommesse a quota fissa e l’introduzione di jackpot nei Quartè e nei Quintè. Sono alcune delle previsioni contenute nel ddl “Istituzione dell’Agenzia autonoma per la promozione, lo sviluppo e la tutela dell’ippica nazionale e disposizioni per la riforma del settore ippico”, annunciato nelle settimane scorse dai senatori Patrizio La Pietra e Luca De Carlo (FdI) e adesso pubblicato. Il ddl prevede inoltre che l’Agenzia disponga di un fondo annuale che verrà alimentato con “le quote di raccolta progressive delle scommesse ippiche, il gettito della quota del 4 per cento derivante da altri giochi e scommesse operati da società di raccolta abilitate anche alle scommesse ippiche”; “i proventi derivanti dalla concessione di diritti televisivi”; un contributo stabilito da Mef, Mipaaf e ADM “a valere sulle maggiori entrate maturate annualmente non superiore al 4 per cento del prelievo erariale unico maturato nell’anno precedente, relativamente agli apparecchi e ai congegni da intrattenimento e divertimento”; “un contributo mensile pari al 65 per cento delle imposte derivanti dalle scommesse su eventi virtuali assimilabili a corse ippiche” (e questi tipi di scommesse potranno essere offerti “solo al di fuori dell’orario del palinsesto delle reali corse ippiche effettuate sui campi nazionali”); “sponsorizzazioni economiche provenienti dal settore pubblico o privato che mettano in risalto l’immagine del settore ippico nazionale”; un contributo annuale a quota fissa attribuito al bilancio del Mipaaf. Di seguito il testo integrale: DISEGNO DI LEGGE Art. 1. (Istituzione dell’Agenzia autonoma per la promozione, lo sviluppo e la tutela dell’ippica nazionale) 1. È istituita l’Agenzia autonoma per la promozione, lo sviluppo e la tutela dell’ippica nazionale (AgenIppica), di seguito denominata «?Agenzia?». 2. All’Agenzia sono iscritti gli allevatori e i proprietari di cavalli da trotto, da galoppo e da sella, l’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) in qualità di rappresentante degli enti locali proprietari degli impianti ippici, le società di gestione degli ippodromi che soddisfino i requisiti stabiliti con decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari forestali e le figure professionali degli allenatori e dei ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it