• VENERDÌ 27 NOVEMBRE 2020 - S. Valeriano vescovo

Polonia, 'Walesa era un informatore durante il comunismo'

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright ANSA.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


L'ex presidente polacco e storico leader di Solidarnosc Lech Walesa era un informatore durante il comunismo. Lo riferiscono fonti ufficiali. Stando ad alcuni documenti recuperati dall'Istituto nazionale della memoria, Walesa fu un informatore dei servizi segreti comunisti dal 1970 al 1976. L'ex presidente aveva ammesso in passato di aver accettato formalmente di fare l'informatore ma di non essere mai stato effettivamente operativo. Tanto che nel 2000 fu assolto da un tribunale speciale. I documenti sono stati trovati in case dell'ultimo ministro degli Interni comunista, il generale Czeslaw Kiszczak. Sulle carte c'è la firma di Walesa e anche il suo nome in codice, 'Bolek'. Walesa ha subito risposto: 'sono documenti falsi'  I documenti ritrovati contro Lech Walesa sono di valore "nullo" perche' come e' noto sono stati falsificati e ora vengono tirati fuori su "richiesta politica" di coloro interessati nel distruggere la sua posizione. Lo ha dichiarato il figlio del fondatore del sindacato Solidarnosc, eurodeputato Jaroslaw Walesa.



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it