• SABATO 31 OTTOBRE 2020 - S. Antonino Vescovo

Obama a Bild: 'Gli Usa e il mondo vogliono l'Ue forte e unita'

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright ANSA.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Il messaggio del mio viaggio è che gli Stati uniti, o ancor meglio, il mondo intero hanno bisogno di una Europa forte, benestante e unita". Lo dice in un'intervista alla Bild il presidente degli Usa Barack Obama, che domani sarà ad Hannover per la fiera dell'industria, con Angela Merkel.

Poi a proposito della crisi dei migranti che ha investito l'Ue e la Germania: "Noi non possiamo semplicemente chiudere le porte al nostro prossimo, se è in grande emergenza. Questo sarebbe un tradimento dei nostri valori". 

Obama a giovani Gb, non cedete a chi vuole portarvi indietro - "Vi imploro di non cedere a coloro che vogliono riportarvi indietro". Così Barack Obama incontrando una platea di studenti a Londra a conclusione della tappa britannica del suo tour di questi giorni. In un discorso dedicato alla "relazione speciale" fra Usa e Gran Bretagna, il presidente americano ha sottolineato che nel mondo ci sono forze che guardano al passato in tempi "d'incertezza" ma ha invitato all'ottimismo. Ha poi ricordato che il legame tra Londra e Washington si fonda sull'aver "combattuto insieme contro il fascismo" e "per la democrazia e la libertà".

Obama a Londra, code polemiche su no a Brexit e "minacce" - Code polemiche sul fronte politico e titoloni di stampa su quello mediatico all'indomani delle dure parole contro l'uscita del Regno Unito dall'Ue al referendum del 23 giugno pronunciate Londra dal presidente Usa, Barack Obama, durante la conferenza stampa congiunta con il primo ministro David Cameron. Il riferimento di Obama a un accordo commerciale bilaterale tutt'altro che scontato dopo l'eventuale Brexit ha scatenato la reazione, furiosa e sarcastica, degli euroscettici, mentre un tabloid ne scrive stamane come di una "minaccia alla Gran Bretagna". La visita, punteggiata ieri anche da incontri con i reali, si chiude intanto oggi con un faccia a faccia fra Obama e il nuovo leader anti-austerity dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, nonché con una visita al Globe Theatre in omaggio a William Shakespeare, del quale il regno ricorda in grande stile i 400 anni dalla morte. Poi, in giornata, la partenza per la Germania: con Berlino terza e ultima tappa di un tour cominciato a Riad.



Sannioportale.it