• MERCOLEDÌ 25 NOVEMBRE 2020 - S. Caterina vergine e martire

Clima: Gates, serve miracolo energetico

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright ANSA.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(ANSA) - ROMA, 14 OTT - "Abbiamo bisogno di un''innovazione che ci dia energia più economica degli idrocarburi, a zero emissioni e affidabile quanto il sistema energetico odierno.
    Mettendo insieme tutti questi requisiti, abbiamo bisogno di un miracolo energetico. Può sembrare scoraggiante, ma nella scienza i miracoli avvengono di continuo". Lo afferma Bill Gates in una lunga intervista pubblicata nel numero di novembre della rivista "The Atlantic", in cui affronta il problema del cambiamento climatico.
    Il fondatore di Microsoft, che ha promesso investimenti per 2 mld di dollari nella ricerca in campo energetico, si dice "ottimista" grazie alle potenzialità dell''innovazione, che però va "spinta a un ritmo non naturale" col l''obiettivo di arrivare allo sviluppo di nuove tecnologie "entro i prossimi 15 anni", altrimenti l''aumento delle temperature supererà i 2 gradi centigradi fissati come limite a livello internazionale. Per far sì che ciò accada, spiega Gates, sia il settore pubblico che quello privato dovranno incrementare gli investimenti in ricerca e sviluppo. Allo stesso tempo è necessario aumentare le tasse sulle emissioni. "Senza una carbon tax considerevole, non ci sarà l''incentivo a passare alle energie pulite".
    Guardando alla conferenza Onu sul clima di Parigi, gli impegni sottoscritti da 150 paesi per tagliare le emissioni, "oltre a essere non vincolanti, se anche fossero mantenuti sarebbero insufficienti a evitare un aumento delle temperature globali entro i 2 gradi", afferma Gates. Ciò che serve, sottolinea, è che nel 2050 Paesi come gli Stati Uniti e la Cina, grandi inquinatori, smettano di aggiungere CO2 all''aria, raggiungendo le emissioni zero.
   



Macrolibrarsi
Sannioportale.it