Un birrificio americano ha battuto Da Vinci creando l'opera più costosa al mondo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Si chiama «Da Vinci of Debt» ma con il maestro dell'arte ha ben poco a che fare. L'installazione che campeggia nella Grand Central Station di New York si è però guadagnata il titolo di opera più costosa al mondo, superando così il «Salvator Mundi» di Leonardo Da Vinci, battuto all'asta nel 2017 per 450 milioni di dollari. L'installazione - creata dall'azienda di birra light chiamata Natural Light - è una rappresentazione del debito studentesco che interessa oltre 45 milioni di laureati in America. L'accesso a un percorso universitario costa in media 180.000 dollari e la maggioranza degli studenti si trova così costretta a chiedere importanti prestiti. Da qui l'alto valore dell'opera d'arte che, essendo composta da 2.600 diplomi reali, supera Da Vinci di 20 milioni e si posiziona al primo posto tra le opere più costose mai vendute.«Dopo che la banana di Maurizio Cattelan è stata valutata 120.000 dollari, questo marketing dell'arte ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it