• GIOVEDÌ 15 APRILE 2021 - S. Anastasia martire

Storie pazze e incredibili di scienziati che hanno cambiato la realtà

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il Benjamín Labatut di Quando abbiamo smesso di capire il mondo (Adelphi, 180 pagine, 18 euro) è un quarantenne olandese che abita dai 14 anni in Cile, e scrive novelle più o meno ibride. Debutta qui da noi con una raccolta di brevi testi crossover – come si direbbe per la musica – che mescolano realtà e fantasia.I suoi racconti colti, e in apparenza votati al paradosso, proiettano la storia della scienza, con le sue conquiste, i suoi scacchi, le sue beffe, nella storia minuta degli uomini o in quella dalla S maiuscola. Svelando, a sorpresa, un lato molto oscuro: ecco uno dei temi principali del suo libro.Per esempio. Nelle venti pagine di Blu di Prussia Labatut parte da Göring tossicodipendente di un analgesico per svelare l'anima doppia, venefica e preziosa, di un pigmento per celebri dipinti. Spazia poi dai tempi degli alchimisti a quelli degli scienziati, annotando i progressi della chimica che si intersecano in scoperte per la pace e scoperte per ...



Sannioportale.it