• GIOVEDÌ 15 APRILE 2021 - S. Anastasia martire

Poco Immuni e tanto inutile

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Storie e retroscena di quella che era stata lanciata come l'applicazione «killer» nella lotta alla pandemia, sotto l'attenta supervisione di Domenico Arcuri. E che invece, alla prova quotidiana, si è dimostrata un totale fallimento.Non serve a niente», «È inutile». Basta scorrere le opinioni degli utenti per decretare il fallimento dell'applicazione Immuni. Una sentenza emessa nelle recensioni degli store online da cui è possibile scaricare l'app. Così emerge che in tanti hanno provveduto già a disinstallare l'app dal proprio smartphone. Non tanto per paventate invasioni nella privacy, quanto per conclamato insuccesso. Il naufragio trova, peraltro, riscontri nei dati ufficiali: le notifiche quotidiane si contano a poche centinaia. Il 14 febbraio, per esempio, sono partite appena 96 notifiche in un Paese che conta oltre 12 mila contagi al giorno, quando il bollettino viene considerato tutto sommato «buono».Mentre i risultati latitano, sul conto delle casse statali sono finite spese che hanno fruttato poco. Certo, la società Bending Spoons, che ha realizzato tecnicamente l'app, non ha chiesto nulla. Una concessione per spirito d'emergenza. La gestione tecnica ha vissuto un passaggio di consegne, dalla Bending Spoons alla Sogei, società in house del ministero dell'Economia e delle Finanze e ai tecnici di PagoPa. Mentre al commissario per l'emergenza Covid, Domenico Arcuri, è stata affidata la ...



Sannioportale.it