• VENERDÌ 10 LUGLIO 2020 - S. Felicita martire

L'ultima sigaretta ai tempi del Coronavirus

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Ogni anno, tante persone quante sono quelle che vivono a Bologna e Firenze, per dire due grandi città, ossia 700 mila in Europa, muoiono di malattie collegate al fumo: tumori, patologie cardiovascolari e respiratorie. Quest'anno, poi, ci si è messo di mezzo anche il coronavirus, che pur essendo (come è ormai chiaro) una malattia sistemica che colpisce tutto l'organismo, ha come organi bersaglio proprio i polmoni. E se li trova già malmessi, colpisce più duro.Nel mondo, il fumo di sigaretta resta la seconda causa di morte, e in Italia chi se le accende ogni giorno sono quasi 12 milioni (11,6, di cui 7,1 milioni uomini e ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it