• MARTEDÌ 11 MAGGIO 2021 - S. Fabio martire

Là dove il calcio non è all’ultimo stadio

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


A Milano vanno avanti da un decennio progetti, polemiche e rinvii per il rinnovamento dello storico «Giuseppe Meazza». Intanto, in Europa, sono stati costruiti o ristrutturati 160 impianti, dove intorno alle partite si sviluppano socialità e affari. Basterebbe copiare.Dunque, le ultime notizie sul nuovo stadio di San Siro, che dovrà rappresentare uno dei simboli della rinascita di Milano, sono le seguenti: il sindaco Giuseppe Sala litiga con l'Inter perché non si sa quale sarà in futuro la proprietà della squadra, che insieme al Milan dovrebbe finanziare la costruzione dell'impianto e del quartiere annesso; la commissione Antimafia del Comune non è convinta; vari vip minacciano di incatenarsi al vecchio Meazza per impedirne la demolizione. Poi si accende la televisione e ci si imbatte in un documentario di Discovery che descrive le meraviglie del nuovo stadio del Tottenham di Londra, uno dei 16 impianti presenti nella capitale inglese. Inaugurato nel 2019 dopo quasi tre anni di lavori, il Tottenham Stadium offre agli avventori il banco bar più lungo del mondo, un birrificio (l'unico in uno stadio), un sistema innovativo che consente di riempire 10 mila pinte di birra al minuto, tre ristoranti (di cui uno stellato Michelin), un hotel, un centro commerciale, i due maxi schermi più grandi dell'Europa occidentale, 471 bagni e 773 orinali, un manto erboso che può scorrere per lasciare il posto a un campo per il football americano, e in futuro una discoteca. Una costruzione all'avanguardia che migliora l'esperienza degli spettatori e fa incassare più soldi alla squadra.Spenta la tv, si riflette sulla telenovela di Milano e ai tifosi dell'Inter e del Milan, costretti a rifornirsi di panini con la salamella dai camioncini ...



Sannioportale.it