• MARTEDÌ 5 LUGLIO 2022 - S. Antonio Maria Zaccaria

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Panorama.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Biden deve fermare la Cina prima di Taiwan ma non ci sarà la guerra

«Non volevate essere coinvolti militarmente nel conflitto in Ucraina per ovvi motivi. Ma siete disposti a farvi coinvolgere militarmente per difendere Taiwan, se si dovesse arrivare a questo?». Quando è stata fatta questa domanda al presidente degli Stati Uniti, «Sì. Questo è l'impegno che abbiamo preso», è stata la risposta secca di Joe Biden. Il quale ha poi aggiunto: «Siamo d'accordo con la politica di “una sola Cina”. L'abbiamo firmata così come tutti i relativi accordi, ma l'idea che [Taiwan] possa essere presa con la forza, solo presa con la forza, è semplicemente non appropriata».Questo commento, apparentemente esplosivo, non è che l’ultimo di una serie di affermazioni sulla difesa a spada tratta da parte dell’Amministrazione Usa nei confronti della non riconosciuta Repubblica di Cina. Altrimenti detta Formosa, altrimenti detta Taipei o ancor meglio Taiwan. Insomma, tutto tranne che Repubblica Popolare di Cina, come il regime di Pechino vorrebbe invece fosse chiamato quel lembo di terra, sbianchettato da qualsiasi distinzione formale, amministrativa o geografica. Il partito unico comunista ha infatti previsto da programma quinquennale la ri-annessione dell’isola «ribelle» alla Cina continentale entro il 2025. Un rientro nella «madrepatria» che la democratica Taipei tuttavia ...
Testi ed immagini Copyright Panorama.it



Sannioportale.it