• MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021 - S. Florio martire

Chi ha paura del Grande Reset? Tra fatti e complotti

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Bufale.net e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il Grande Reset è tornato molto in voga in questi giorni. Due semplici parole, che per molti sono passate da una teoria economica ad un complessa operazione del complotto. Della variante complottistica ci siamo occupati, più volte. Ora passiamo a mettere ordine su come sia tornata in scena. Tutti i Grandi Reset sono Reset, ma non tutti sono “il” Grande Reset Partiamo dal punto nodale. Le teorie dichiarano che il Grande Reset esiste perché qualcuno l’ha menzionato. Ovviamente. Parliamo di Klaus Schwab, “reo” di aver resuscitato quella che il New York Times aveva definito “una teoria del complotto senza alcuna base”. Con una semplice affermazione: dichiarava sostanzialmente, appuntatevelo perché il punto focale è questo, è sempre stato il punto focale di tutta la narrazione, che dopo COVID19 ovviamente avremmo avuto di fronte un’economia danneggiata e sofferente ed era il momento per un cambio di paradigma. Il c.d. “Grande Reset”. Usando però un termine che era praticamente nel lessico dei nostri amici QAnon. I quali hanno semplicemente invertito l’effetto con la causa. Se nelle affermazioni di Schwab, erano una petizione di principio forse un po’ utopica (tipo il discorso della Reginetta di Bellezza che dichiara convinta che “le crisi sono opportunità e bisogna fare la pace nel mondo per vivere felici”, tralasciando che se fosse così semplice forse ci avremmo già pensato), ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it