• MARTEDÌ 26 GENNAIO 2021 - S. Paola vedova

"Wire-wire", tecnica di truffa sofisticata e in aumento

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Attivissimo.blogspot.com e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Wire-wire", tecnica di truffa sofisticata e in aumento La creatività e la perseveranza dei truffatori via Internet non conoscono limiti: ad aprile scorso l’FBI ha pubblicato un avviso per mettere in guardia le aziende contro una particolare tecnica di truffa che si sta rivelando particolarmente redditizia per i malviventi ed è in rapido aumento (+270% da gennaio 2015): si chiama “wire-wire” o “BEC” (business e-mail compromise).

Funziona in questo modo: i truffatori si procurano gli indirizzi di mail dei dipendenti delle aziende-bersaglio tramite fonti pubblicamente disponibili. Poi infettano uno o più computer dell’azienda in modo da avere accesso alla mail. Leggendo la posta, identificano con pazienza gli indirizzi di mail dei fornitori usati dall’azienda e poi creano un indirizzo di mail molto simile a quello di un fornitore (per esempio pagamenti@rossini-ascensori.com al posto di pagamenti@rossiniascensori.com).

Quando l’azienda attaccata invia un ordine via mail al fornitore, i truffatori leggono il messaggio e lo lasciano arrivare a destinazione, così il fornitore invia una fattura, che viene intercettata e bloccata. Al suo posto i truffatori mandano, dall’indirizzo di mail imitato, una versione leggermente modificata della fattura, nella quale cambia soltanto il conto corrente sul quale effettuare il pagamento (modificare un documento PDF è molto semplice).

La vittima cade facilmente nella trappola perché la fattura è un documento che si aspetta di ricevere e proviene (apparentemente) da un fornitore conosciuto, per cui effettua il bonifico di pagamento, il cui importo finisce nelle mani dei truffatori.

Se la vittima non si accorge che l’indirizzo del mittente è leggermente diverso e non nota che le coordinate bancarie sono differenti, i truffatori incassano con una sola mail decine di migliaia di franchi o euro o dollari (l’FBI parla di importi compresi fra 25.000 e 75.000 dollari per volta).

Sapere dell’esistenza di questo genere di truffa è il primo passo verso la sua prevenzione: molti responsabili dei pagamenti nelle aziende piccole e grandi non immaginano che dei criminali possano essere così persistenti e pazienti.

Non sempre le cose vanno bene per questi ladri digitali, comunque: di recente una banda di oltre 30 truffatori che operava dalla Nigeria in tutto il mondo è stata smascherata perché si è fatta a sua volta infettare da un malware che ha consentito ai ricercatori di un’azienda di sicurezza informatica, la SecureWorks, di sorvegliare il loro traffico e documentarne in dettaglio i reati, che stavano fruttando circa 3 milioni di dollari l’anno.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it