• LUNEDÌ 30 NOVEMBRE 2020 - S. Andrea apostolo

Antibufala: l’“UFO” emerge dai ghiacci in Antartide

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Attivissimo.blogspot.com e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Antibufala: l’“UFO” emerge dai ghiacci in Antartide
Se vedete questa storia prossimamente nei siti di ufologia, ditemelo: vuol dire che quegli ufologi non sanno fare uno straccio di ricerca e abboccano a qualsiasi panzana. Il Mirror britannico, evidentemente affamato di clic a basso costo, ha pubblicato la “scoperta” di un ufologo russo, Valentin Degterev, che avrebbe avvistato in Antartide un disco volante alieno precipitato.

Avete capito bene: secondo Degterev quella sagoma lenticolare al centro dell''immagine qui sopra è sicuramente un veicolo extraterrestre. Perché si sa che gli alieni, quando si schiantano con un disco volante, si schiantano elegantemente di taglio.

Ovviamente i riferimenti alle varie versioni cinematografiche de La Cosa vengono spontanei e rendono più golosa e cliccabile la notizia, ma ci vogliono trenta secondi per sbufalarla. Andando alle coordinate indicate (80°34''08.4"S 30°05''19.3"W) si vede la sagoma annunciata dall''ufologo, ma basta andare alle stesse coordinate in Google Earth per ottenere un''immagine molto più definita, che chiarisce che si tratta semplicemente di una spaccatura naturale:


Fine del mistero. Naturalmente ci sarà qualcuno che dirà che dentro la spaccatura c''è sepolto l''UFO. In questo caso lo invito ad andare a prenderne di persona un pezzo, così farà la fine degli esploratori de La Cosa e ce ne libereremo una volta per tutte.




Sannioportale.it