• VENERDÌ 5 GIUGNO 2020 - S. Bonifacio vescovo

USA, ISM manifatturiero resta in zona contrazione

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(Teleborsa) – L’attività manifatturiera americana registra una ulteriore frenata nel mese di novembre. Lo indica l’ISM – Insitute for Supply Management – inferiore alla lettura del PMI di Markit. L’indice dei direttori di acquisto del settore manifatturiero si è attestato a 48,1 punti dai 48,3 di ottobre. Il dato risulta peggiore delle attese degli analisti che stimavano una salita fino a 49,2 punti. Fra le varie componenti dell’indice, quella sui nuovi ordini è scesa a 47,2 da 49,1 punti, mentre quella sull’occupazione si è portata a 46,6 da 47,7. Aumenta invece la componente relativa ai prezzi che si porta a 46,7 punti da 45,5. L’indicatore, che viene usato per valutare lo stato di salute del settore manifatturiero statunitense, resta dunque sotto la soglia chiave di 50, che fa da spartiacque tra espansione e contrazione dell’attività. (Foto: Renan Kamikoga on Unsplash)



Sannioportale.it