• MERCOLEDÌ 10 AGOSTO 2022 - S. Lorenzo martire

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



RegTech, qual è la sfida più grande da affrontare. Intervista ad Alessandro Mantelli – AlmavivA

Nell’articolo RegTech, il presente e il futuro per aziende competitive è stato introdotto il concetto di RegTech e l’importanza del ruolo di facilitatore della digitalizzazione delle istituzioni a cui assurge. Oggi approfondiamo il binomio innovazione tecnologica e regolamentazione con Alessandro Mantelli, CTO for application innovation di AlmavivA. Che cos’è il RegTech e quali sono, secondo lei, i passaggi evolutivi che ha compiuto dalla sua teorizzazione nel 2015 ad oggi? È passato qualche anno da quando nel 2015 la Financial Conduct Authority (FCA) indisse una call for input per lo sviluppo del RegTech, ovvero Regulatory Technology, allora declinato come “l’adozione di nuove tecnologie per facilitare l’adempimento dei requisiti normativi”. Quel RegTech, fortemente focalizzato sul mondo Fintech, era l’embrione di una risposta tecnologica necessaria ai crescenti aumenti di volumi e complessità della regolamentazione portati dal nuovo assetto normativo creatosi dopo la crisi del 2008. In realtà è da più di 20 anni che la tecnologia viene utilizzata in ambito normativo, ma, per la prima volta, con il paradigma dettato dal RegTech, si coglie l’opportunità di riconoscere il Tech come una parte integrante e non solo come uno strumento a supporto della regolamentazione. È ciò che tipicamente avviene in tutti quei settori che si trasformano grazie al Tech, come il FinTech, l’InsurTech o il LegalTech. Col tempo abbiamo assistito a varie trasformazioni del RegTech. Da una primissima fase, meno automatizzata, dove il software, grazie a massicce operazioni di inserimento dati, ha permesso di ridurre la percentuale di errore e semplificare l’audit e i report interni. A una seconda fase fatta di soluzioni più evolute capaci di gestire i processi e automatizzare la reportistica normativa e le attività di ottimizzazione della compliance. Fino al RegTech più recente che consente un monitoraggio costante e integrato con gli strumenti tecnologici ed è concepito ad esempio per l’analisi avanzata dei dati, l’automazione dei processi e la gestione del back-office, oltre che in grado di rilevare e risolvere rapidamente incoerenze o lacune di conformità. Quali sono i player più interessati, oggi, al RegTech e quelli che ne trarrebbero maggior beneficio? Tutti quelli interessati da processi normati o che fanno parte di reti di imprese o servizi che si fondano sulla collaborazione e la conformità dei processi rispetto a delle regole condivise. Nel nostro caso le soluzioni RegTech AlmavivA sono utilizzate nella Digital Health, nel Fintech, nell’Industria 4.0, o ancora per l’e-Gov e la Pubblica Amministrazione. Inoltre, forniamo supporto alle Authority dei mercati vigilati per sviluppare strumenti tecnologici basati sullo scambio costante di informazioni tra chi controlla e chi è controllato e rendere la compliance un fattore di opportunità e non più solo un onere. Tutto questo grazie alla creazione di ecosistemi RegTech-based, che certificano e garantiscono in tempo reale tanto le informazioni quanto i processi ...
Testi ed immagini Copyright Quifinanza.it



Sannioportale.it