• GIOVEDÌ 6 AGOSTO 2020 - Trasfigurazione del Signore

Mercati deboli. Milano schiva le vendite

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(Teleborsa) – Si muove all’insegna del ribasso la seduta finanziaria delle borse europee, mentre Piazza Affari resiste al vento delle vendite. L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,141. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.805,6 dollari l’oncia. Perde terreno il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 40,84 dollari per barile, con un calo dello 0,87%. Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +165 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,20%. Tra i mercati del Vecchio Continente pensosa Francoforte, con un calo frazionale dello 0,55%, tentenna Londra, con un modesto ribasso dello 0,38%, e giornata fiacca per Parigi, che segna un calo dello 0,69%. Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 20.278 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share (Piazza Affari), che si posiziona a 22.074 punti, in prossimità dei livelli precedenti. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,06%); come pure, senza direzione il FTSE Italia Star (-0,05%). Risultato positivo a Piazza Affari per i settori telecomunicazioni (+1,94%), materie prime (+1,29%) e sanitario (+1,17%). Nella parte bassa della classifica di Piazza Affari, sensibili ribassi si manifestano nei comparti tecnologia (-1,14%), automotive (-1,00%) e beni industriali (-0,87%). Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, incandescente Telecom Italia, che vanta un incisivo incremento del 3,22%. In primo piano Amplifon, che mostra un forte aumento del 2,47%. Denaro su Saipem, che registra un rialzo dell’1,68%. Bilancio decisamente positivo per Tenaris, che vanta un progresso dell’1,36%. Le più forti vendite, invece, si manifestano su Atlantia, che prosegue le contrattazioni a -3,62%. Exor scende dell’1,88%. Calo deciso per Pirelli, che segna un -1,78%. Sotto pressione Leonardo, con un forte ribasso dell’1,65%. Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+6,80%), Aeroporto di Bologna (+3,59%), Banca Popolare di Sondrio (+3,19%) e Banca MPS (+2,49%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Tinexta, che prosegue le contrattazioni a -2,97%. In caduta libera Salini Impregilo, che affonda del 2,48%. Soffre ASTM, che evidenzia una perdita dell’1,87%. Preda dei venditori SOL, con un decremento dell’1,83%.



Sannioportale.it