• VENERDÌ 22 OTTOBRE 2021 - S. Marco vescovo

L’OCSE rivede al rialzo previsioni PIL ma avverte: persistono rischi e ritardi

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(Teleborsa) – La ripresa economica globale rimane forte, aiutata dai piani di sostegno dei governi e delle banche centrali e dai progressi nelle campagne di vaccinazione. Lo conferma l’OCSE, che ha fornito un aggiornamento sulla crescita globale, avvertendo che< ripresa rimane disomogenea, sebbene il PIL sia risalito sopra i livelli pre-pandemia“. In molti paesi – sottolinea l’Organizzazione che ha sede a Parigi – persistono ritardi in termini di ripresa ed occupazione. Le campagne di vaccinazione variano notevolmente in tutto il mondo, limitando la capacità di alcuni paesi di riaprire completamente ed aumentando le tensioni nel commercio globale e nelle catene di approvvigionamento. Di conseguenza, la domanda di alcuni beni è aumentata, spingendo verso l’alto l’inflazione. Le nuove previsioni OCSE indicano un PIL mondiale in crescita del 5,7% quest’anno, una revisione al ribasso di 0,1 punti rispetto alle previsioni formulate a maggio scorso, mentre l’anno venturo dovrebbe registrare un aumento del 4,5%, migliore di 01 punti rispetto al precedente report. Migliorate soprattutto le previsioni di crescita dell’Italia, che vedrà un PIL al 5,9% nel 2021, ben al di sopra del 4,5% indicato a maggio (+1,4 punti percentuali) ed in linea con le indicazioni fornite ad inizio settembre nel report Paese. Per il 2022 c’è invece una leggera revisione al ribasso della crescita del PIL al 4,1% (0,3 punti in meno rispetto a maggio). Per quanto concerne le previsioni dell’Area Euro, si stima una crescita del 5,3% quest’anno (1 punto percentuale in più rispetto a maggio) e del 4,6% il prossimo (0,2 punti in più). Fra le cinque economie dell’Area della moneta unica, oltre all’Italia, farà bene la Spagna con un PIL al 6,.8% nel 2021 ed al 6,6% nel 2022. In accelerazione anche la Francia che registrerà un +6,3% quest’anno ed un +4% il prossimo, mentre la Germania modererà la crescita al 2,9% nel 2021 per raggiungere un +4,6% nel 2022. Per l’OCSE, le Banche centrali dovrebbero dunque dare indicazioni più chiare su tempi e portata entro i quali verranno tollerati eccessi inflazionistici e sulle tempistiche della normalizzazione delle politiche monetarie, mentre le autorità fiscali dovrebbero focalizzarsi su politiche in grado di aumentare in modo sostenibile la crescita potenziale.



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it