• VENERDÌ 7 AGOSTO 2020 - S. Gaetano sacerdote

Inaugurazione del ponte di Genova: sarà consegnato ai Benetton

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Un dettaglio più simbolico che sostanziale, ma che ha una sua valenza politica. Lunedì 3 agosto quando sarà inaugurato il nuovo ponte di Genova la società Autostrade per l’Italia sarà ancora per l’88% sotto il controllo di Atlantia, la holding della famiglia Benetton. E formalmente il viadotto sul Polcevera gli sarà riconsegnato dalla gestione commissariale.

I ritardi sulla firma di Cassa depositi e prestiti

Una scadenza politica non rispettata. Anche se la strada è già segnata, dopo mesi di battaglie del governo con Atlantia per rilevare la gestione della rete autostradale, questo episodio potrebbe comunque essere visto come una crepa nell’immagine di tutta l’opera. L’operazione per diluire le azioni di Atlantia nel in Aspi sarebbe sul punto di arrivare a conclusione, ma la firma del memorandum con Cassa Depositi che diventerebbe il socio di controllo, non arriverà entro lunedì. Ci sarebbero ancora troppi dubbi sulla questione delle tariffe. Per questo l’allungamento dei tempi che non permetterebbe il passaggio allo Stato della gestione del ponte prima della sua inaugurazione.

Il programma della settimana sul passaggio a Cdp

La firma del memorandum dovrebbe arrivare in settimana, dopo le riunioni di consiglio di Aspi e Cdp il lunedì, e Atlantia il martedì. Il programma prevederebbe l’aumento di capitale preliminare e riservato alla Cassa depositi e prestiti, vendita diretta del 22% di Aspi ad investitori graditi a Cdp. Poi arriverà la scissione e la quotazione in Borsa. I Benetton manterrebbero al termine del percorso l’11% del gestore, che potrebbero poi vendere sul mercato. Nel fine settimana ci sarà la valutazione delle basi dell’accordo da parte dei tecnici dell’Authority dei Trasporti dato che è il modello su cui si baserà la nuova concessione. Mercoledì al ministero dei Trasporti dovrebbe esserci il via libera ad uno schema di atto aggiuntivo da allegare alla Convenzione previo passaggio all’Avvocatura dello Stato.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it