• MERCOLEDÌ 27 MAGGIO 2020 - S. Agostino v. di Canterbury

Coronavirus, “idrossiclorochina” innefficace secondo test. Francia chiede nuove regole

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(Teleborsa) – Immediata reazione del Ministro della Salute francese, Olivier Véran, ai risultati di test che mostrerebbero l’inefficacia e i rischi della somministrazione di idrossiclorochina ai malati di Covid-19 sottoposti alla terapia. Véran ha chiesto all’Authority della Sanità pubblica di proporre “entro 48 ore una revisione delle regole in deroga per la prescrizione” di diversi farmaci fra cui appunto l’idrossiclorochina. “In seguito alla pubblicazione su The Lancet di uno studio che mette in guardia sull’inefficacia e i rischi di alcuni trattamenti del Covid-19 – spiega il Ministro in un tweet – mi sono rivolto all’Authority per un’analisi e perché mi proponga entro 48 ore una revisione delle regole”. Dopo i primi dubbi sul rimedio reso popolare e utilizzato dal mediatico professor Eric Raoult in un ospedale di Marsiglia, la Francia aveva già inasprito le regole sull’uso della clorochina in ospedale, limitandolo ai soli casi gravi e su decisione collegiale dei medici. The Lancet, diretta da Richard Horton, è rivista medico-scientifica settimanale britannica edita da Elsevier. E’ stata fondata nel 1823 da Thomas Wakley.



Sannioportale.it