• MARTEDÌ 24 MAGGIO 2022 - S. Corinna

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Come si diventa insegnante: studi da intraprendere

Per diventare un insegnante è necessario avere una serie di requisiti, tra cui un determinato titolo di studio e l’abilitazione all’insegnamento. Ovviamente, sono previste regole diverse per la scuola primaria e quella secondaria di primo e secondo livello, aspetti importanti da conoscere in base al tipo di carriera scolastica che si vuole intraprendere. Ecco cosa fare per diventare insegnante oggi, con tutto quello che bisogna sapere per ottenere un incarico come docente. Come diventare maestra elementare Per insegnare nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, ovvero svolgere la professione di educatore oppure di maestra o maestro della scuola elementare, è necessario acquisire un titolo di studio idoneo. Il percorso accademico in questo caso permette di scegliere tra: laurea in scienze della formazione primaria; laurea magistrale a ciclo unico in scienze della formazione primaria. Nel primo caso si tratta di un ciclo di studi universitario della durata di 4 anni, con la possibilità di optare per un indirizzo rivolto all’infanzia oppure alla scuola primaria. Nel secondo caso invece la laurea magistrale prevede una durata di 5 anni, ottenendo dopo il conseguimento del titolo accademico l’abilitazione diretta all’insegnamento sia per la scuola dell’infanzia sia per quella primaria o elementare. Queste regole valgono per chi ha ottenuto il diploma dopo l’anno scolastico 2001/2002, infatti fino a questa data era possibile insegnare anche senza l’ottenimento di una laurea, purché in possesso di uno dei seguenti titoli: diploma di un istituto magistrale (durata 4 anni); diploma di scuola magistrale abilitante per la scuola d’infanzia (durata 3 anni); diploma di un liceo socio-psico-pedagogico (durata 5 anni); diploma magistrale linguistico sperimentale (durata 5 anni). Dal 2014 il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) permette a chi possiede questi titoli, conseguiti entro l’anno scolastico 2001/2002, di iscriversi alle graduatorie provinciali d’istituto di seconda fascia. In passato, fino al 2011, era possibile invece accedere alla terza fascia delle graduatorie provinciali d’istituto, un cambiamento che fa parte del processo di aggiornamento dei requisiti abilitanti per l’insegnamento primario. I percorsi ...
Testi ed immagini Copyright Quifinanza.it



Sannioportale.it