• MARTEDÌ 20 OTTOBRE 2020 - S. Contardo Ferrini

Cassa integrazione e assegno ordinario, si avvicina la scadenza del 30 settembre

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Quifinanza.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Con la fine del mese di settembre si avvicinano le prime scadenze dei termini decadenziali dettati dal decreto Agosto in tema di cassa integrazione. Il 30 settembre scadono infatti i termini per la presentazione delle domande di integrazione salariale relative ai periodi di sospensione dal 1° luglio al 31 luglio 2020 e dal 1° agosto al 31 agosto 2020. E va effettuato l’invio dei modelli SR41, utili per il pagamento diretto da parte di Inps.

Cassa integrazione, cosa prevede il decreto Agosto

L’art. 1 del Decreto Agosto prevede che i datori di lavoro, nel corso del 2020, possono richiedere un periodo di cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario o cassa integrazione in deroga, per una durata massima di 9 settimane incrementate di ulteriori 9 settimane subordinatamente a determinate condizioni. Le 18 settimane devono collocarsi nel periodo compreso tra il 13 luglio 2020 e il 31 dicembre 2020.

Come fare domanda, istruzioni Inps e scadenza

Per fare domanda di CIGO, CIGD e assegno ordinario, l’Inps con il messaggio n. 3131/2020, precisa che le ulteriori 9 settimane possono essere richieste dai soli datori di lavoro ai quali sia stato già interamente autorizzato il precedente periodo di 9 settimane. “Per le richieste inerenti alle prime nove settimane, o il minor periodo che risulta scomputando i periodi già richiesti o autorizzati ai sensi della precedente normativa decorrenti dal 13 luglio 2020, i datori di lavoro dovranno continuare a utilizzare la causale “COVID-19 nazionale” già in essere”. Le domande di accesso ai trattamenti salariali devono essere inoltrate entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa. Tale termine è da considerare decadenziale.
Il termine di applicazione è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del decreto: quindi il 30 settembre 2020. La comunicazione Inps, si sofferma in particolar modo sulle scadenze da rispettare e in particolare per quanto riguarda le richieste di cassa integrazione che fanno riferimento a luglio. Il comma 10 dell’articolo 1 prevede in linea generale un differimento al 30 settembre 2020 della scadenza per l’invio delle domande e dei dati utili al pagamento o al saldo dei trattamenti di CIGO, CIGD e ASO che, in via ordinaria, scadrebbero nel periodo ricompreso tra il 1° e il 31 agosto 2020. L’Inps, inoltre, chiarisce che anche le domande di trattamenti con inizio della sospensione/riduzione dal 1° al 12 luglio 2020, anche se non ricomprese nella nuova disciplina della cassa integrazione, possono essere trasmesse entro la scadenza del 30 settembre 2020.

Scadenza presentazione modello SR41

Stesso termine viene previsto per l’invio dei modelli SR41, utili per il pagamento diretto da parte di Inps. Anche in questo caso i dati utili per il pagamento devono essere inviati entro la fine del mese successivo a quello in cui è collocato il periodo integrativo salariale, ovvero entro il termine di trenta giorni dall’adozione del provvedimento di autorizzazione.  



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it