• MARTEDÌ 11 AGOSTO 2020 - S. Chiara d'Assisi

"Voglio sapere i nomi degli esperti". Il virologo Tarro bombarda Conte: "Stato d'emergenza solo a fini politici", cosa non torna

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Vorrei sapere i nomi". Al professor Giulio Tarro non torna proprio la decisione del premier di Giuseppe Conte, già annunciata, di voler prorogare lo stato d'emergenza da coronavirus  di altri 6 mesi. Il premier si auto-assegnerebbe pieni poteri fino al 31 dicembre 2020, di fatto quasi un anno intero di procedure democratiche sospese. Mai accaduto, se non in tempo di guerra. E se nel pieno  della guerra vera, quella sanitaria, nessuno, neanche nell'opposizione di centrodestra, si è scandalizzato per l'accentramento dei poteri a Palazzo Chigi. già verso la fine della Fase 1 la protesta ha iniziato a sollevarsi da più parti della comunità politica, ma pure della società civile e della comunità scientifica.

      Tarro, "da virologo", su Twitter chiede i "nomi e cognomi degli esperti che hanno consigliato a Conte di prolungare uno stato di emergenza epidemiologica che non esiste, che è solo una invenzione a scopi politici". La tesi è forte, condivisa però da molti esponenti anche di primo piano come Vittorio Sgarbi, Paolo Becchi, Alessandro Meluzzi e Carlo Taormina. Una risposta al professore sarebbe già arrivata tramite retroscena del Giornale, secondo cui sarebbero stati tenuti all'oscuro della decisione di Conte anche i membri del Comitato tecnico scientifico. Un "golpetto" anche ai danni del governo-ombra.    



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it