• SABATO 11 LUGLIO 2020 - S. Benedetto abate

"Una commissione per controllare Conte". Senza precedenti, premier sotto euro-schiaffo in Parlamento

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.



Non bastanno gli schiaffi all'interno della maggioranza ora il premier Giuseppe Conte se la deve vedere anche con i deputati "tedeschi" del Suedtiroler Volkspartei (Svp). Gli Svp hanno redatto per il presidente del Consiglio una bella tabella di marcia: o ci dai quello che vogliamo o non ti votiamo. Lo hanno detto chiaramente il governatore altoatesino Arno Kompatscher e il segretario Svp Philipp Achammer in una nota congiunta. La Suedtiroler Volkspartei, che con i suoi tre senatori potrebbe diventare l'ago della bilancia a Palazzo Madama, sottoporrà al premier «un programma di lavoro con una serie di iniziative legislative e norme d'attuazione con una tabella di marcia per la loro applicazione nelle prossime settimane e mesi». «Il nostro voto dipenderà unicamente dal fatto se le richieste dell'Alto Adige saranno accolte. La nostra disponibilità a sostenere il governo deve comportare risultati concreti ed immediati per l'Alto Adige», concludono Achammer e Kompatscher.         Non va meglio alla Camera dove, come scrive Il Tempo, i deputati Manfred Schullian, Renate Gebhard e Albrecht Plangger, hanno presentato una proposta di leggere per mettere sotto controllo Conte e verificare come spenderà i soldi europei che arriveranno per l'emergenza coronavirus.I tre deputati nella proposta presentata l'11 giugno partono da una considerazione: "Le risorse economiche da utilizzare per la ripresa avrebbero una loro indubbia consistenza: agli 80 miliardi di euro derivanti dalle risorse nazionali si aggiungerebbero i 172 miliardi di euro del Recovery Fund europeo, per un ammontare complessivo di 252 miliardi di euro. Una cifra importante, pari allo stanziamento di almeno otto leggi di bilancio. Risorse che possono certamente rappresentare il volàno per una nuova stagione di sviluppo, a condizione che ne siano disegnati in modo chiaro gli orizzonti e ne siano condivise le direttrici di fonde". In soldoni quanto già da tempo chiede il centrodestra che accusa il premier di non coinvolgerli nelle decisioni per quanto riguarda gli interventi per affrontare la crisi economica provocata dal coronavirus. 



Sannioportale.it