• MERCOLEDÌ 26 GENNAIO 2022 - S. Paola vedova

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Un "diluvio" di zone rosse, la nuova mappa terrorizza l'Italia: l'ombra del lockdown | Guarda

L'intera Unione Europea è piombata in area rossa o rosso scuro, fatta eccezione per alcune zone di Italia e Spagna che sono considerate ancora in giallo, quindi a rischio non elevato di contagio. È quanto emerge dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, secondo cui nei prossimi mesi oltre la metà dei casi di Covid che verranno registrati in Europa saranno riconducibili alla variante Omicron.     Quest'ultima è ancora in fase di studio, ma dai dati finora disponibili è evidente che potrebbe avere un “sostanziale vantaggio di crescita” rispetto alla Delta. Al momento, però, sebbene risulti essere più contagiosa, non sembra indurre un maggiore sviluppo della malattia grave. Attualmente i casi di Omicron ufficialmente rilevati in Europa sono soltanto 70 e sono sparsi fra 13 Paesi, ma i modelli matematici elaborati dall'Ecdc fanno credere che nei mesi a venire la nuova variante diventerà predominante anche nell'Unione. Nel frattempo la mappa del contagio conferma che quella dell'Italia è ancora una delle poche situazioni epidemiologiche sotto controllo: sono considerate aree gialle Basilicata, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Umbria. Le restanti regioni sono rosse, nessuna invece è rosso scuro. Per il momento la massima incidenza europea dei contagi si registra in Germania, Irlanda, Grecia e nei Paesi dell'Est. I dati settimanali elaborati da Gimbe non fanno però dormire sonni tranquilli neanche all'Italia: contagi e decessi sono aumentati rispettivamente del 25,1% e del 14%, mentre i ricoveri in reparti Covid del 13,7% e quelli in terapia intensiva del 22%. Inoltre i casi sono cresciuti per la sesta settimana consecutiva, con la media giornaliera che è quintuplicata in 45 giorni.
Testi ed immagini Copyright Liberoquotidiano.it



Sannioportale.it