• MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021 - S. Florio martire

"Tutti lo fanno e prendete in giro Conte". Il talebano Di Battista, ecco la sua "soluzione" per l'Afghanistan

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Alessandro Di Battista è stato ospite di Corrado Formigli a Piazzapulita su La7, nella puntata del 16 settembre. Si parla di Afghanistan e il Che Guevaa del Movimento 5 stelle dice: "Dialogare con i talebani? Ci parla la Cia, ci parlano gli americani, ci parlano le organizzazioni internazionali. E' evidente che se vuoi provare a tenere le mani sull'Afghanistan tu ci debba parlare. Hanno preso in giro Conte, ma tutti stanno parlando coi talebani".     E ancora attacca Dibba: "La storia parla chiaro: non c'è un intervento che sia andato a buon fine. Oggi l'Italia si prepara a inviare altri militari in Iraq, altra guerra ignobile portata avanti dopo una fake news sulle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein che non c'erano".  E mentre da Formigli Di Battista difende il leader del Movimento 5 stelle solo quattro giorni fa ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica, su Rete 4, l'ex parlamentare lo attaccava sulle amministrative: "Non è che escono due mesi prima delle elezioni del 2023 e pensano che arriva Di Battista a prendere qualche voto e fare campagna elettorale. Se lo scordano".     "Conte con me si è sempre comportato in modo leale", aveva dichiarato Di Battista. Detto questo rimangono molte divergenze: "Sono uscito fondamentalmente perché il partito che non doveva governare con nessuno, oggi governa con tutti e per me questo è intollerabile. E continua a governare con tutti, e per me è inaccettabile anche pensare di tornare nel Movimento. Fino a che sta nel governo, il Movimento è avversario politico".         



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it