• LUNEDÌ 1 MARZO 2021 - S. Albino vescovo

"Tre giorni di tempo". Conte, ultimatum dal Quirinale: non solo dimissioni, umiliazione finale in ginocchio da Renzi?

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


A Giuseppe Conte basterà il giorno fattogli guadagnare dal fido Alfonso Bonafede per trovare in numeri? Il premier rischia seriamente di andare sotto sulla relazione del ministro della Giustizia, noto “manettaro” inviso da Matteo Renzi, Italia Viva e gran parte delle forze politiche. Ormai appare chiaro a tutti che le possibilità che Conte vada a sbattere giovedì prossimo sono molto alte: in tal caso non avrebbe altra scelta delle dimissioni come ultima spiaggia per provare a rimanere ancora alla guida di Palazzo Chigi. Come sottolineato dall'ultimo Dagoreport, Sergio Mattarella gli darà il reincarico e tre giorni di tempo per ricucire lo strappo con Matteo Renzi, dato che la caccia ai responsabili sta fallendo miseramente e quindi c'è bisogno per forza di Italia Viva per dar vita a un Conte ter. Anche se in queste ore disperate il premier e il suo staff stanno lavorando anche ad altre ipotesi, come quella di mettere in piedi una “maggioranza Ursula” che comprenda Forza Italia: Silvio Berlusconi ha però posto il veto su Conte, non lo sosterrà mai. Nel frattempo sullo sfondo rimane sempre il Recovery Plan, ecco perché il Dagoreport parla di un Mattarella che ha messo spalle al muro il premier: o fa in fretta e trova una maggioranza forte os di deve dimettere.     



Macrolibrarsi
Sannioportale.it