• MERCOLEDÌ 8 LUGLIO 2020 - S. Adriano papa

Scanzi “frignone” dalla Gruber, Zangrillo tocca il comitato di Conte? “Irrazionale e irresponsabile”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Lilli Gruber incentra la puntata di Otto e Mezzo sui negazionisti del coronavirus, ma anche sull'appello di Sergio Mattarella, che alla vigilia del 2 giugno ha invitato l'Italia ad entrare in una fase nuova con coraggio e prudenza. La discussione verte però anche sulle polemiche innescate da Alberto Zangrillo, il primario della terapia intensiva del San Raffaele di Milano che ha presentato uno studio per sostenere che il virus è clinicamente morto. “Io spero tanto che abbia ragione - ha commentato Andrea Scanzi in collegamento con la Gruber - però quando dice che qualcuno sta terrorizzando gli italiani, credo che ce l'ha con il comitato tecnico scientifico e conseguentemente con il governo. Questo è un atteggiamento irrazionale e irresponsabile”. Il contorto ragionamento del giornalista del Fatto è che, se anche Zangrillo avesse pienamente ragione, non avrebbe dovuto dire quelle parole perché alimentano il desiderio degli italiani di tornare liberi: “Ha detto cose pericolosissime, mentre chi ha esagerato con la cautela ci ha salvato la vita. Io per esempio sono convinto che la Lombardia non sia pronta a tornare alla normalità”.     



Macrolibrarsi
Sannioportale.it