• MARTEDÌ 26 MAGGIO 2020 - S. Filippo Neri sacerdote

“Sì al Mes? Da lui ho sentito dire più volte il contrario, veramente”. Anche Di Maio schernisce Conte: siamo davvero al colmo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Luigi Di Maio lo lascia intendere: Giuseppe Conte ha due volti, uno quando parla con il Pd, un altro quando parla con il Movimento 5 Stelle. A chi ricorda al titolare della Farnesina che il premier ha fatto trapelare che il Mes sarebbe "una possibilità" per l'Italia, il grillino risponde: "Al presidente ho sentito dire il contrario più di una volta, veramente. E c'è molta fiducia nelle sue parole, soprattutto da parte della forza politica che rappresento" ha ammesso in un'intervista a Il Messaggero come a dire: prima dice una cosa, poi un'altra. Se infatti il Meccanismo europeo di stabilità è largamente sostenuto dal Partito democratico, lo stesso non si può dire del movimento fondato da Grillo. Sull'argomento molti pentastellati si dicono pronti a far battaglia. Non solo, perché al vaglio c'è anche un'altra incognita, questa sostenuta dai grillini: "Ad ogni modo - prosegue il ministro degli Esteri - c'è una partita ancora in corso. Abbiamo fatto dei passi avanti importanti ma ad oggi non ci sono ancora certezze sul Recovery, su cui puntiamo". Un messaggio chiarissimo: Conte si deve decidere.  



Sannioportale.it