• GIOVEDÌ 13 AGOSTO 2020 - SS. Ponziano e Ippolito martiri

"Perché Conte vuole il patto tra M5s e Pd". Bruno Vespa, informazioni riservate su un premier allo sbando

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Senza l'alleanza con il M5S il centrosinistra rischia di perdere quattro delle sei regioni in cui si voterà in settembre. "Il problema è che Giuseppe Conte non è il capo politico del Movimento. Anzi, pur essendone una espressione diretta perché fu Luigi Di Maio a indicarlo per palazzo Chigi, non si è mai iscritto e meno che mai perciò può rivestire una posizione di leadership", scrive Bruno Vespa nel suo editoriale sul Giorno. Dai Cinquestelle, per ora, fanno orecchie da mercante. Vito Crimi ha detto: "Forse in Liguria". A livello centrale l'accordo Pd-Cinquestelle è più facile da rispettare, difficile farlo nelle varie realtà locali.     L'eventuale sconfitta del Pd in Puglia e nelle Marche, lascerebbe al partito di Zingaretti soltanto 4 regioni italiane su venti e meno di un terzo degli abitanti dell'Italia. La scossa politica potrebbe essere non lieve e verrebbero riesaminati i complessi rapporti di maggioranza a livello centrale che stanno portando il governo alla lentissima approvazione di riforme di sistema che negli altri paesi o erano già state fatte o sono nate all'inizio dell'emergenza Covid. Alla vigilia di un autunno che tutti - scrive Vespa - temono durissimo. 



Macrolibrarsi
Sannioportale.it