• MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2020 - S. Bonaventura vesc.

Palamara beccato in centro a Roma: "Sta parlando proprio con lui”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


“Che cosa si dicevano a passeggio per il centro di Roma Luca Palamara e Cosimo Ferri?”. Se lo chiede Dagospia, che pubblica sul proprio sito un flash riguardante il pm finito nell'occhio del ciclone a causa delle intercettazioni che hanno creato uno scandalo tale da travolgere la magistratura. “Dietro a quella mascherina nera - si legge su Dago, che pubblica anche diverse foto - sembra esserci proprio il deputato renziano, ex membro del Csm, ex sottosegretario alla giustizia e magistrato in aspettativa, che con Palamara e Luca Lotti decideva le nomine delle toghe di mezza Italia durante riunioni notturne negli hotel romani”. Chiaro il riferimento alla vicenda degli incontri all'hotel Champagne di Roma tra magistrati e politici per pilotare le nomine ai vertici delle più importanti procure italiane. Tra l'altro Ferri è tra i dieci magistrati per i quali è stato chiesto il processo disciplinare: uno dei punti contestati è l'interferenza nell'esercizio dell'attività del Csm in relazione all'incontro all'hotel Champagne. 



Macrolibrarsi
Sannioportale.it