• DOMENICA 12 LUGLIO 2020 - S. Giovanni Gualberto abate

"No al condono": Conte non è più padrone nemmeno del suo governo. Vertice e schiaffi: retroscena

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Stop al condono nella notte. Vertice governo-maggioranza agitato a Palazzo Chigi, con Giuseppe Conte che deve incassare il no sulla misura che proprio il premier aveva inserito nel Dl Semplificazioni. Una decisione sulla quale ci sarebbe stata "convergenza", secondo una fonte parlamentare, dopo che anche il M5s ha rappresentato la necessità di evitare di arrovellarsi in modifiche e precisazioni di dettaglio che avrebbero comunque lasciato "un'ombra" sul provvedimento.         Stralciate anche le norme che avrebbero consentito l'assunzione di alcuni dirigenti del Mibac. In discussione anche la partita dei commissari per gli appalti pubblici, legata al cosiddetto "modello Genova" su cui non ci sarebbe unanimità, con Pd e LeU, in particolare, a frenare sull'allargamento del ricorso a questo tipo di gestione delle opere pubbliche. Riassunto: governo in alto mare: quando non si può rinviare tutto a settembre, l'extrema ratio è guadagnare almeno qualche ora: il vertice riprenderà infatti oggi alle 12. Mezzogiorno di fuoco.



Sannioportale.it