• MERCOLEDÌ 8 LUGLIO 2020 - S. Adriano papa

"Morirete, ci vogliono le bombe". Gilet arancioni, la rete dell'ex generale Pappalardo e quelle frasi terrificanti

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


La rabbia del popolo dei gilet arancioni rischia di travolgere l'Italia. Non ora, ma presto. Da sabato al 2 giugno, le piazze si sono riempite con gli uomini del generale Antonio Pappalardo, e gli slogan e i semplici sfoghi captati in strada non sono rassicuranti: "'a pezzi di m***!"; "'a criminali! Dovete morire tutti", "Fate schifo!"; "Ce vojono le bombe, le bombe!". Sono solo alcuni esempi riportati dal Giornale. L'evoluzione violenta del "vaffa" dei 5 stelle, 12 anni fa, o dei forconi.      

"Erano più di quanto credevano di essere e naturalmente quelli che ce l'hanno fatta hanno denunciato il complotto, 'Aho! Ce stanno bloccando ai caselli. A disgraziati!'", scrive il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti. Raccolgono tutto e tutti. Dal nonno di Latina Giuseppe, che votava M5s, ma per cui Di Maio oggi è "il più grande dei vigliacchi. Se so tutti venduti", alla signora Alessandra di Biella, che snocciola i loro riferimenti di (contro)informazione: Pandora Tv, che fu di Giulietto Chiesa, e il sito ByoBlu di Claudio Messora, ex uomo-comunicazione dei grillini. Il mondo, insomma, pare quello. Ma più incattivito, e più inquietante.    



Macrolibrarsi
Sannioportale.it