• MERCOLEDÌ 12 AGOSTO 2020 - S. Eusebio vescovo

Migranti: M5S, 'a Vizzini non ci sarà un nuovo Cara'

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Palermo, 2 ago. (Adnkronos) - "Una cosa è certa a Vizzini non ci sarà un nuovo Cara come quello di Mineo, quello previsto non è un campo profughi e ci batteremo affinché non lo diventi mai, non venga attivato e anzi vigileremo affinché siano garantiti gli standard di sicurezza promessi per la tutela dei cittadini, in caso contrario ne chiederemo l'immediato smantellamento. Il ministero dell'interno ha il dovere di trovare soluzioni alternative e la soluzione proposta da Di Maio, ossia di azzerare le partenze con accordi più stringenti con la Tunisia e di rimpatriare chi arriva anche con le navi, e non solo gli aerei, trova il nostro sostegno e va nella direzione di rendere sempre più residuale l'utilizzo eventuale della tendopoli”. Lo affermano i portavoce 5 stelle alla Camera e all'Ars del Calatino Gianluca Rizzo, Eugenio Saitta e Francesco Cappello, in relazione alla struttura di accoglienza e per la quarantena dei migranti prevista a Vizzini. "Fino a poco fa - dicono i parlamentari - abbiamo interloquito col Ministero degli Interni sulla vicenda. Dal viceministro Crimi abbiamo avuto ampie rassicurazioni che non ci saranno contraccolpi per il territorio. La struttura sarà usata nell'area del demanio marittimo militare di Vizzini solo transitoriamente, per il periodo della quarantena e soltanto in caso di necessità e di emergenza. Per la bonifica dell'area, dell'allestimento delle strutture e dell' erogazione dei servizi viene stipulata una convenzione tra la Croce rossa italiana ed il Prefetto di Catania”. “Nell'area – proseguono i 5 stelle - saranno accolti, per il solo periodo dell'emergenza in atto, fino a 300 migranti. Teniamo a sottolinearlo, si tratta di una soluzione temporanea ed eventuale, che il governo nazionale ha chiesto di adottare solo nel caso non ci fosse più posto nelle due navi da crociera predisposte per la quarantena dei migranti sbarcati sulle coste siciliane”.



Sannioportale.it