• SABATO 28 NOVEMBRE 2020 - S. Rufo martire

"Frustrato e umiliato, volevo morire". Tiziano Ferro-choc: "Il dramma dell'alcolismo", a un passo dalla fine

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Ero un alcolista e volevo morire". A fare questa confessione shock è Tiziano Ferro, che racconta a cuore aperto il suo passato, quando aveva 34 anni. "Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più. Bevevo quasi sempre da solo, l'alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso", ha detto il cantante a 7, il magazine del Corriere della Sera. Tiziano Ferro ha voluto parlare di questa parte della sua vita anche nel film-documentario Ferro, disponibile su Prime Video dal 6 novembre, giorno in cui esce anche "Accetto miracoli: l'esperienza degli altri", il suo primo album di cover. Dal film emerge un ritratto consapevole del cantautore che, raccontando la sua esperienza passata, ha smantellato del tutto l'immagine perfetta e patinata che spesso i personaggi pubblici fingono di avere.        "Non sono mai stato il primo della classe, ero anonimo, non bello, per niente atletico, anzi grasso, timido, i ragazzi mi chiamavano ciccione, femminuccia, sfigato. Aspettavo che qualcuno intervenisse per difendermi, ma non succedeva mai. Vivevo perennemente frustrato, incazzato e anche umiliato", ha scritto Ferro nella lunga lettera destinata a 7. La svolta c'è stata in seguito grazie alla musica: "Era l'unica cosa che avevo, un canale per esprimermi in un mondo nel quale non mi riconoscevo". Sono stati diversi i motivi di sofferenza per il cantante in passato, a partire dal difficile rapporto con il suo peso: è passato da 111 chili a 70. Poi il segreto sulla sua omosessualità, fino al coming out di dieci anni fa. 



Macrolibrarsi
Sannioportale.it