• MARTEDÌ 26 MAGGIO 2020 - S. Filippo Neri sacerdote

Falcone: Palermo, Camera Lavoro espone lenzuolo 'mafia uccide, silenzio pure' (2)

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


(Adnkronos) - “La Cgil nel commemorare le vittime delle stragi Falcone e Borsellino ricorderà anche tutte le vittime della mafia tra magistrati, forze dell'ordine, giornalisti, uomini delle istituzioni, imprenditori, sacerdoti e comuni cittadini. La memoria per noi sta alla base dell'impegno antimafia per l'affermazione dei diritti delle persone. E tenere viva la memoria – prosegue Campo - per la Cgil è un dovere nei confronti dei tantissimi dirigenti sindacali uccisi, molti dei quali non hanno avuto mai giustizia, e di tutti gli uomini caduti nella lotta contro la mafia. Chiediamo che la lotta alla mafia sia la priorità di chi ci governa. Finché la mafia non sarà debellata noi saremo presenti sempre nelle piazze e nei posti di lavoro a contrastare gli interessi e gli affari illeciti e a difendere i diritti, la libertà e la Costituzione”. “Oggi, ancor di più, alla luce di quanto sta emergendo dalle indagini della magistratura sulle infiltrazioni nel sistema degli appalti – aggiunge Campo - la Cgil chiede alla classe politica l'intensificazione dei controlli, trasparenza e meritocrazia alla base delle nomine, e l'adesione ai codici e ai protocolli antimafia e anticorruzione”. Campo conclude affermando che la Cgil continuerà a chiedere “di non abbassare la guardia per garantire la vigilanza nelle aziende pubbliche e private, per la salvaguardia dei lavoratori e di tutti i cittadini, per l'affermazione della legalità in tutti i cantieri e nei posti di lavoro”.



Sannioportale.it