• MARTEDÌ 18 GENNAIO 2022 - S. Beatrice vergine

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



"Curo il Covid con le bistecche". Il delirio del macellaio Rino, in studio da Del Debbio si scatena l'inferno | Video


Attimi di televisione surreale a Dritto e Rovescio, il programma di Paolo Del Debbio in onda su Rete 4, la puntata è quella di giovedì 21 ottobre. Il punto è che ospite in collegamento c'è un signore, o meglio un macellaio, tal Rino Manada, che sostiene di aver curato un malato con una bistecca. "Noi diamo voce a tutti... Dice: Ho rimesso in sesto un mio cittadino che aveva il Covid a suon di bistecche", lo introduce Del Debbio.   Dunque, ecco che prende la parola Rino, da Gravina di Puglia, che parte con il suo slogan, ed è subito delirio (provate infatti ad ascoltarlo e "decodificarlo". Dunque racconta: "L'ingegner Stinco mi ha segnalato un ragazzo che si era ammalato di Covid. E aveva bisogno di cure. Gli ha dato il numero del mio negozio e si è messo in contatto con me. Durante il Covid stavamo chiusi ma facevamo il servizio a domicilio: ordinava bistecche, tagliate, salsicce. E gli è passato il Covid, assolutamente", sostiene Rino, come se la bistecca fosse stata la "medicina".   "Non solo - riprende il macellaio -: ha fatto anche un salto di qualità. Da cliente è passato ad essere mio dipendente. Si chiama Pino: non poteva pagare, aveva maturato un conto da 6mila euro. Così adesso lavora con noi. Paolo... con questa roba qui, puoi chiedere anche a Vissani...". E a quel punto, dopo tal delirio, in studio si scatena il finimondo...  
Testi ed immagini Copyright Liberoquotidiano.it



Sannioportale.it