• SABATO 15 AGOSTO 2020 - Assunzione di Maria vergine

Atalanta, un'impresa solo sfiorata: Ronaldo salva la Juve con due rigori e avvicina lo scudetto

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Liberoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Finisce 2-2 l'attesissimo scontro scudetto tra Juventus e Atalanta, con quest'ultima che è stata capace di andare due volte avanti nel punteggio, salvo poi essere rimontata in entrambe le occasioni. La squadra di Maurizio Sarri compie così un passo importante verso il titolo: a sei giornate dalla fine della Serie A ha 8 punti di vantaggio sulla Lazio (che ne ha perse 3 di fila) e 9 sull'Atalanta. Il discorso non è ancora chiuso, ma ormai i bianconeri vedono il traguardo ad un passo. All'Atalanta resta il rammarico per aver soltanto accarezzato il colpo grosso: per dieci minuti ha avuto l'illusione di vincere la decima partita consecutiva e di portarsi a -6 dalla vetta della classifica. Ai bergamaschi era bastato un quarto d'ora per sbloccare la contesa: bravo Zapata a battere a rete su suggerimento di Gomez. La Juve ha poi pareggiato all'inizio del secondo tempo, grazie ad un calcio di rigore (molto generoso) concesso per un fallo di mano e trasformato da Cristiano Ronaldo. Gian Piero Gasperini ha però gestito magistralmente i cambi e l'Atalanta ha trovato nuove energie, che le hanno consentito di tornare in vantaggio: splendido il gol di Malinovskyi, che non ha lasciato scampo al portiere avversario con un siluro dal limite dell'area. Proprio al novantesimo, però, si è verificato l'episodio che ha rimesso i bianconeri in carreggiata: stavolta il tocco di mano di Muriel era evidente e dal dischetto Ronaldo è stato nuovamente spietato. Finisce 2-2 e alla Juve va bene così, mentre all'Atalanta resta il rammarico ma anche la consapevolezza di aver giocato ad armi pari.     



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it